Avemundi, decido io per te

Avemundi è uno dei principali contributori di Wikipedia in italiano.. sapete quanti edit ha fatto?

133.000!!

Cominciamo a raccontare la sua vicenda da qui:

Non ho mai nutrito fiducia nella tua capacità di fare l’admin in modo imparziale, ora mi hai convinto che non riesci a fare l’admin neppure in modo onesto.

E’ Avemundi che parla dell’admin Harlock81. E poi spiega:

Rivendico il diritto di dire con franchezza a un admin che non ha la mia fiducia e di spiegargli il perché.

Negli stessi gironi, riferendosi a Dispe, aveva detto:

Il tuo intervento mi risulta comprensibile solo in una becera logica di schieramento e non lo trovo compatibile con una partecipazione onesta al progetto. (…) mi fanno pensare che per il momento tu sia inadatto al ruolo.

Insomma la franchezza ad Avemundi non manca, e Wikiveliero apprezza questa cosa. Solo dicendosi le cose in modo chiaro e trasparente si può migliorare come persona e migliorare il progetto di Wikipedia. Non bisogna avere paura delle critiche aspre, che possono anche essere dure da digerire, ma c’è un modo semplice per affrontarle: porre l’attenzione sul contenuto della critica, e non su altro, su chi lo fa, su come dare pan per focaccia, o altri atteggiamenti infantili.

In risposta gli arriva un cartellino giallo: la chiarezza non è stata apprezzata.

Avemundi ha solo espresso chiaramente il suo pensiero, senza offendere nessuno. Ma la cosa non sembra essere gradita, e si avvicina la resa dei conti…

Pochi giorni dopo infatti Avemundi interviene sulla candidatura di Sanremofilo:

Certo, certo, equilibratissimo, come te.(…) Definire “particolarmente equilibrato” un utente amico che ha sempre votato come te, non è molto credibile. (…) Ciò che è destituito di ogni fondamento è che il candidato abbia contribuito a moderare i toni nelle discussioni. A me risulta tutt’altro.

Del resto è una candidatura molto controversa come si può leggere. Interviene subito M7 e lo blocca per un mese a distanza di circa 5 minuti.

Demiurgo interviene subito dopo per dire una cosa ovvia:

comporta l’esagerato blocco di un mese nel giro di una decina di minuti, senza nemmeno il bisogno di cercare una qualsivoglia forma di “consenso”

Eh sì, perchè bloccare una persona senza una discussione e consenso è assolutamente vietato su Wikipedia, per ovvie ragioni. Gli amministratori devono solo applicare le decisioni della comunità, non prendere decisioni. Mario Benvenuti, alias M7, quindi ha commesso una grave violazione delle regole di Wikipedia. Vediamo come va a finire..

Un utente interviene poco dopo:

 tutti uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri. Sono utente registrato dal 2007 e assiduo contributore, ma preferisco rimanere anonimo.

Sì, per criticare conviene restare anonimo.

Così è andata a finire. Un blocco in aperta violazione delle regole che rimane tale.

Il blocco è stato dato per la chiarezza di Avemundi nel dire quali utenti non reputa adatti a svolgere il ruolo di amministratore. Questo è considerato attacco personale: il fatto di non considerare un utente adatto a rivestire un ruolo di responsabilità come quello di amministratore.

Il Wikiveliero non considera adatto al ruolo di amministratore M7, perchè abusa dei suoi poteri, come dimostrato molte vole in questo blog, non tollera le critiche, blocca i suoi oppositori. Se il Wikiveliero dice questo su Wikipedia viene bloccato ad infinito, pur avendolo argomentato.

Guardano negli archivi delle sue Discussioni, si vede che Avemundi ha combattuto a lungo contro la superficialità di alcuni utenti più attivi e amministratori riguardo alla gestione della comunità. Il suo richiamo a un comportamento imparziale, scrupoloso, onesto, non è mai piaciuto, gli scontri sono stati tanti (qui, qui, qui, qui,..  ). Dopo il blocco di un mese Avemundi decide di smettere di contribuire a Wikipedia.

Sul fatto che un amministratore non possa assolutamente decidere di sua volontà un blocco Wikipedia è chiarissima:

L’amministratore esercita una funzione di mero volontariato tecnico-operativo con alcune funzionalità aggiuntive che gli sono attribuite dalla comunità: tale funzione non è un titolo di merito, né conferisce una posizione di preminenza o di responsabilità

Il blocco è una funzionalità tecnica del software usata per proteggere Wikipedia da utenti che la danneggiano, il cui uso è delegato agli amministratori secondo le regole fissate dalla comunità (in base al consenso).

E’ chiarissimo, l’amministratore non può bloccare di sua volontà, M7 l’ha fatto e ha violato una regola fondamentale, evidentemente non ha capito bene in cosa consiste il suo ruolo. Glielo fanno anche notare, ma nulla da fare, lui non ne tiene conto di questa regola basilare.

Per finire riportiamo questi due interventi di Avemundi, che mi sembrano un ottimo insegnamento di come dovrebbe essere gestita la comunità su Wikipedia:

Desidero poter esprimere la mia opinione liberamente. Definire stroncatura un commento negativo (finora unico e per ciò stesso prezioso, a meno che si voglia introdurre l’acclamazione) è scorretto: io non ho alcun diritto di veto, dico la mia come tutti gli altri, così magari ci confrontiamo rispettosamente. – link

e un bel decalogo che Avemundi rivolge a Dispe:

Poiché mi chiedi in che cosa potresti migliorare, rispondo: 1 onestà intellettuale, ad esempio non fare una domanda della quale non vuoi ascoltare la risposta 2 evitare la logica di schieramento, cioè difendere gli amici in ogni circostanza e attaccare i nemici in ogni circostanza, sia nelle votazioni, sia nelle discussioni 3 maggiore obiettività 4 maggiore imparzialità 5 evitare di assumere ruoli da sostituto admin (come troncare discussioni a mezzo), fintanto che non avrai la fiducia comunitaria necessaria 6 astenerti da toni paternalistici o imperativi, che impediscono il dialogo costruttivo 7 indipendenza di giudizio 8 atteggiamento più aperto nei dialoghi, senza sbarramenti, chiusure, preclusioni 9 non provocare, insultare o irridere altri utenti solo perché la pensano in modo diverso dal tuo 10 sforzarsi di trovare soluzioni concrete per i problemi. Qualsiasi passo in avanti su questi dieci punti, sarà attentamente considerato.

p.s. Se volete chiedere spiegazioni del suo comportamento, questo è il suo indirizzo pubblico (da usare in modo civile e responsabile):

M7: mario.m7 at gmail.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *