Due dittatori per Wikipedia: M7 e Vituzzu

Vi chiedo scusa perchè questa cosa mi era proprio sfuggita. Ancora di nuovo la realtà supera, in peggio, l’immaginazione.

Vi ho parlato spesso del fatto che Vituzzu è uno Stewards, cioè uno dei trenta super-amministratori globali di Wikipedia. Beh, lo è stato anche Mario Benvenuti, alias M7 (dal 2006 al 2016 quando si è dimesso). Questo vuol dire che Vituzzu e M7, due amministratori che abusano sistematicamente dei propri poteri per imporre una dittatura sulla Wikipedia in italiano (per ripassare la questione leggi qui e qui e qui e…), sono anche amministratori globali. Da non crederci.

Essere super-amministratore globale di Wikipedia è un incarico importantissimo, vuol dire avere un grande potere e responsabilità sulla cultura mondiale. Non sto esagerando, Wikipedia è il quinto sito più visitato al mondo, e non solo, è nettamente il primo nella categoria informazione e cultura. Per fare un paragone, la CNN è al 106 posto.

Sapete chi è Mario Benvenuti, e cosa ha fatto per meritarsi un incarico di così alto prestigio e responsabilità?

Mario Benvenuti non è nemmeno laureato. Si è diplomato nel 1985 e dopo pochi anni ha aperto una ditta di assistenza informatica, vendita e riparazione pc. Questo curriculum gli è bastato per diventare uno dei trenta responsabili mondiali di Wikipedia.

E Vituzzu? Di lui non si sa nulla, nessuno ne conosce il nome, se non i suoi fedelissimi. Come se il direttore della CNN fosse un anonimo noto solo con un nickname.

Ma in effetti la caratteristica di questi nuovi dittatori dell’era digitale è proprio il basso profilo. Non hanno l’aura mistica e terribile dei dittatori novecenteschi. Non arringano le folle, al massimo bevono una birra al bar con gli amici. Non sono a capo di eserciti o di partiti di massa, ma stanno seduti dietro al loro pc. Non creano orribili strutture per incarcerare e sterminare i loro oppositori.

I nuovi dittatori dell’era digitale ti eliminano per sempre con un clic, senza neanche sapere chi sei, senza neanche averti mai visto in faccia, senza sporcarsi le mani. E clic dopo clic, gli oppositori spariscono nel nulla, il controllo sull’enciclopedia libera cresce. Forse è giunto il momento di riflettere su questo lato oscuro del web, su quanto sia facile e banale ottenere un controllo totale su una comunità fatta di milioni di persone con i potenti strumenti informatici.

San Francisco Steward meetup 2015 group picture(San Francisco Steward meetup 2015)

Vi consiglio infine una lettura:

La banalità del male, di Hannah Arendt

Curiosità: volete sapere perchè si parla tanto di Vituzzu e mai di M7? In realtà i due hanno lo stesso cinismo e mancanza di scrupoli, anzi M7 è una vera macchina che sforna blocchi a ripetizione. E allora? Sicuramente un ruolo lo gioca il nome, M7 è difficile da pronunciare, in realtà lui si fa chiamare anche M/ ..impronunciabile! Ma il motivo è anche un altro: Vituzzu è un chiacchierone, si infila in ogni discussione, ha un modo di argomentare involuto e criptico che lo rende un personaggio. M7 invece è di poche parole, lui ti blocca, punto. Al massimo ti avverte prima con una frase, poi ti blocca, anche a infinito, senza spiegarti nulla. M7 è una vera macchina da blocchi, lui non perde tempo ad argomentare, blocca e basta.

N.b.

Una precisazione: il Wikiveliero quando parla di Wikipedia si riferisce alla Wikipedia in italiano, in quanto ho una conoscenza molto scarsa del funzionamento della Wikipedia mondiale. E’ possibile che gli altri Stewards, e in genere dentro a Wikipedia globale, non ci si renda conto di quanto succede in Italia. Certo che però i dubbi sulla Wikipedia globale crescono di giorno in giorno.

p.s. Se volete chiedere spiegazioni del loro comportamento, questo è il loro indirizzo pubblico (da usare in modo civile e responsabile):

Vituzzu: [email protected]

M7: [email protected]

 

Segui gli aggiornamenti sul nostro canale telegram, su twitter o su facebook.

Stampa i volantini e diffondi il blog WikiVeliero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *