Come spendono le donazioni di Wikipedia, parte due

Donazioni Wikipedia e WikiMedia Italia

Continua l’inchiesta su come vengono spese le donazioni fatte a Wikipedia. Qui trovi la prima parte.

Come abbiamo visto, grazie alla pubblicità gratuita su Wikipedia, la piccola associazione Wikimedia Italia riceve una quantità enorme di donazioni rispetto alla media delle associazioni italiane. Ci aspetteremmo un grande scrupolo nell’uso di questo denaro,… leggete cosa accade e giudicate voi stessi.

Su Wikimedia Italia le cose funzionano come su Wikipedia, e ritrovate le stesse persone, puoi fare critiche morbide e marginali, ma se metti in discussione il sistema di potere ti espellono. Ne fornirò le prove. Intanto vediamo come funziona questo sistema.

Il progetto GLAM serve a far collaborare il mondo di Wikipedia e le istituzioni culturali, come biblioteche e musei. Benissimo. In breve consiste nel caricamento su Wikipedia (e progetti paralleli) di contenuti con licenza libera. Benissimo. Come sappiamo però su Wikipedia può scrivere solo chi non è sgradito a Vituzzu (e ad altri). E per rilasciare contenuti con licenza libera non c’è bisogno di Wikipedia.

Quindi.. finchè Vituzzu è tra i trenta super-amministratori globali di Wikipedia, la domanda è come queste importanti istituzioni culturali statali possano collaborare con Wikipedia ignorando la grave mancanza di libertà interna. La libertà non è importante per la cultura? Non si sentono in dovere di chiedere spiegazioni su questo aspetto, o lo ritengono irrilevante?

E se un giorno in uno scatto di dignità a Vituzzu fossero tolti i suoi poteri? Resta il fatto che questo progetto ha un basso impatto, perchè per rilasciare contenuti con licenza libera non c’è bisogno di Wikipedia. Però ovviamente è positiva questa collaborazione tra Wikipedia e le istituzioni culturali. Ma ricordiamo che questo è il progetto prioritario per Wikimeida Italia. La priorità per diffondere la cultura libera è caricare contenuti su Wikipedia?

Il mezzo è diventato il fine. Il fine dovrebbe essere la cultura libera, uno degli strumenti dovrebbe essere Wikipedia, invece Wikipedia è diventato l’unico fine. Perchè? Perchè le stesse persone hanno il controllo su Wikipedia, su Wikimedia Italia e sulle donazioni.

Infatti il progetto GLAM è portato avanti attraverso i wikimediani in residenza. Questi sono scelti dal direttivo tra i soci di Wikimedia Italia. Le persone scelte ricevono borse di studio, rimborsi spese, l’onore di rappresentare Wikipedia, nuove esperienze da mettere nel CV. Ovviamente per essere scelto non devi mai aver detto che Vituzzu e gli altri abusano dei loro poteri e che le regole di Wikipedia sono sistematicamente violate, anche perchè saresti già stato espulso in quel caso.
E poi , a cosa servono i wikipediani in residenza quando esiste già una guida online a Wikipedia? Non sarebbe meglio destinare lo stesso denaro a degli esperti in materia che possano davvero incidere su questi temi, invece che ai soci di Wikimedia Italia con l’obiettivo di creare consenso e clientele?

Discorso simile vale per il progetto Wikipedia va a scuola. Qui però le cose stanno ancora peggio.

Questo progetto ha dell’incredibile!! Le vostre donazioni vengono impegnate per spiegare Wikipedia agli studenti. Ma non esiste già una guida online?! A insegnare Wikipedia nelle scuole ci vanno persone scelte tra i soci di Wikimedia Italia, senza alcuna competenza specifica (nella formazione) se non essere un editor di Wikipedia. A volte sono amministratori di Wikipedia. A volte sono gli stessi che abusano sistematicamente dei loro poteri su Wikipedia. E poi vanno nelle scuole a insegnare come funziona l’enciclopedia “libera” pagati (dai 25 ai 40 euro all’ora) e spesati con le vostre donazioni.

Nella mailing list interna di Wikimedia Italia girano periodicamente mail come questa:

Cari soci,

in vista di un progetto presso l’Istituto Tecnico Economico di Bolzano, Wikimedia Italia cerca due formatori disponibili a seguire l’intero progetto, il quale è strutturato in 20 ore di corso da svolgersi presso la scuola.

Oggetto dell’incarico è la trasformazione di alcune opere di Cesare Battisti da formato immagine a file OCR con caricamento e successivo lavoro di rilettura su Wikisource. Inoltre, è prevista una parte di formazione sulla scrittura e modifica di voci su Wikipedia.

Il compenso per i formatori sarà pari a 25 €/ora lordi, per un totale di 500 € lordi per ciascun formatore per le 20 ore di corso. ( – Ma in mailing list puoi leggere anche mail che offrono compensi di 40€ all’ora per corsi di questo tipo – ).

Le candidature potranno essere inviate, entro giovedì 2 gennaio 2017, e saranno valutate da una commissione composta da tre membri, di cui almeno un socio non membro del direttivo.

Contestualmente, chiedo la disponibilità di uno o più soci per far parte della commissione che dovrà occuparsi della selezione.
Grazie

­­

Dario Crespi
Project manager area Istruzione – Associazione per la diffusione della conoscenza libera

E’ chiaro ora perchè nulla cambia mai su Wikipedia? Se sei omertoso, non vedi o fai finta di non vedere gli abusi vai avanti nell’associazione, e puoi farti strada, ricevere un po’ di soldini per insegnare a scuola senza averne competenza (!!!), ricevere un incarico che fa curriculum, magari essere assunto dalla stessa associazione. Fantastico no?! 😉

Se poi una sera non riesci a guardarti allo specchio, accendi il computer e scrivi che le cose devono cambiare, che questo è un osceno clientelismo, il giorno dopo ti insultano e ti espellono. Quindi passi pure per fesso. Chiaro come funzionano le cose? Ma anche su questo ci ritorneremo e vi forniremo le prove.

Ti faccio un riassunto 🙂

Si danno i soldi delle donazioni ai soci per creare consenso e per clientelismo, e non si danno gli stessi soldi delle donazioni a persone competenti che potrebbero davvero contribuire a diffondere la cultura libera in un paese come il nostro dove lo stesso clientelismo riduce a un privilegio l’accesso alla cultura.

Wikimedia Italia dovrebbe diffondere la cultura libera.
Invece replica lo stesso clientelismo che blocca questo paese e riduce la cultura a un privilegio.
Dimenticavo… il tutto con le vostre donazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *