Vogliono chiudere il Wikiveliero

Beh questo c’era da aspettarselo!! 🙂

Un hater ci ha scritto che Luca Martinelli, Sannita, ha depositato una querela contro l’autore del WikiVeliero per diffamazione. Io penso proprio che sia vero.

In questo paese le cose funzionano così, se sei troppo libero e onesto ti coprono di insulti, minacce e denunce. Chi è troppo onesto è scomodo, e quindi va messo a tacere. Ma questo lo sapevo fin dall’inizio.

Ora che fa il Wikiveliero?

Innanzitutto si mette a disposizione della magistratura. Ed è un bene che la magistratura indaghi sulle gravi degenerazioni che avvengono all’interno della Wikipedia italiana.

Non solo. Il WikiVeliero vuole favorire il lavoro della magistratura quindi presenterò quanto prima un esposto in procura dove rivelerò il nome dell’autore del WikiVeliero, in modo che non si perda tempo su questo.

Non solo. Ho inviato una lettera raccomandata a WikiMedia Italia dove li invito a indicarmi quali sono le frasi ritenute diffamatorie. Se mi dimostreranno che sono effettivamente diffamatorie le modificherò: l’obiettivo del WikiVeliero non è attaccare qualcuno ma difendere la libertà della cultura, che gli amministratori disonesti di Wikipedia stanno stracciando.

E poi, nella lettera a WikiMedia Italia ho rivelato il nome dell’autore del WikiVeliero. In realtà loro l’hanno sempre saputo, come dimostrano anche i commenti al blog. Ma l’ho rivelato in modo che la magistratura non perda un minuto.

Per finire alcuni divertenti curiosità.

Avete presente Threecharlie, Roberto Ciciliato, quello che si è rivolto a un utente nel canale irc ufficiale di Wikipedia dicendogli “faccio un’ipotesi, ti vengo a cercare a casa con le mazze da baseball“?

Beh, Threecharlie è “ovviamente” amministratore di Wikipedia, dal 2011, è socio di WikiMedia Italia, è amministratore del gruppo facebook Wikipedia in italiano, va nelle scuole a insegnare Wikipedia.

Sapete chi c’è tra gli altri amministratori del gruppo? Valentino Piccinelli, Vale93b, e Luca Martinelli, Sannita. Ci sarebbe da ridere se non fosse tragico…

Non è finita qui.

La mail che ci ha inviato Luca Martinelli, e il picco di visite registrato dal blog dopo l’articolo sui contatti dei soci di Wikimedia Italia, dimostra che il blog è conosciuto e letto da wikipediani e soci di WikiMedia Italia. Ma nessuno ha avuto nulla da ridire sui gravi abusi che il WikiVeliero ha dimostrato. E Threecharlie, Roberto Ciciliato, un tassista di Rovigo, quello che vuole picchiare con le mazze da baseball, è sempre amministratore del gruppo facebook.

Luca Martinelli denuncia il WikiVeliero e mantiene come amministratore Roberto Ciciliato, ripeto, quello che vuole picchiare con le mazze da baseball. Chiaro?! 😉

E queste cose tanti le leggono e nessuno dice nulla. Questo blog è letto da wikipediani, amministratori di Wikipedia, soci di WikiMedia Italia. Tutti zitti. Ma è ovvio, se dicono qualcosa su queste cose vengono eliminati. Se si mostrano d’accordo on il WikiVeliero per loro è la fine dentro a Wikipedia. E non possono nemmeno più sperare di ricevere qualche incarico di prestigio pagato con le donazioni come lo studente di Architettura Dario Crespi. E per avere un incarico di prestigio non servono competenze, basta la fedeltà cieca a questo indecente sistema di abusi.

E non è finita qui 🙂

No dai Wikiveliero, non ci può essere di peggio!!

Sì invece.

Sapete chi voleva picchiare Threecharlie? Il WikiVeliero, che allora era appena agli inizi della sua battagli di libertà.

E Threecharlie lo sapeva? Certo, infatti nel discorso a un certo punto fa un accenno chiarissimo al nome dell’autore del WikiVeliero. Ed è lì che si scatena l’inferno. E anche Vituzzu che poi è intervenuto a bloccare la vittima delle minacce lo sapeva.

E non è ancora finita qui!!

Il direttivo di WikiMedia Italia, con presidente Laurentius, Lorenzo Losa, è stato informato che un socio di WikiMedia Italia aveva rivolto queste minacce. E non ha fatto nulla, non ha nemmeno preso le distanze da queste minacce. E nel direttivo c’era anche Luca Martinelli, Sannita. Sì, l’autore della denuncia al WikiVeliero. E anche i soci di WikiMedia Italia sono stati informati in mailing list di queste minacce, ma nessuno ha detto nulla, tanta è la paura, ma anche l’indifferenza, che regna in questo mondo.

Threecharlie è un soldato fedelissimo, e brutale, del sistema di abusi su Wikipedia, e quindi è un intoccabile.

E’ chiara ora la pericolosità di queste persone?

Meglio riguardarsi ancora una volta l’intervista di Luttazzi a Travaglio 🙂

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *