Wikipedia bloccata, la telenovela continua

bullismo

Molti non hanno colto due dettagli fondamentali nella storia, o telenovela, di Wikipedia bloccata.

Non stiamo parlando di una direttiva approvata dal Parlamento Europeo, e nemmeno in procinto di essere approvata.

Il 5 luglio 2018 il Parlamento europeo in seduta plenaria deciderà se accelerare l’approvazione della direttiva sul copyright.

“..accelerare..”, è più chiaro ora? Siamo in una fase di discussione ancora, non si è nemmeno arrivati a un testo definitivo, ci vorranno mesi prima della votazione finale.

E cosa fa la Wikipedia in italiano? Tutti lo vedete, Wikipedia bloccata già da due giorni. Cioè un intervento a gamba tesa, da cartellino rosso.

Non si entra in una discussione democratica in corso in questo modo, gridando alla legge liberticida, quando ancora se ne discute, quando ancora nulla si può sapere di come sarà applicata, è una questione di rispetto delle istituzioni.

Stiamo parlando di un sito web consultato ogni giorno da milioni di italiani, il blocco crea un grave disservizio e disagi per gli italiani. Non tutti consultano Wikipedia nel tempo libero, c’è anche chi lo fa per lavoro. E’ un’enciclopedia, e ora Wikipedia è bloccata senza preavviso, chissà per quanti giorni.

Se tutte le categorie facessero così, appena una direttiva potrebbe toccare i loro interessi, perchè di interessi si tratta, sarebbe il caso. Questo è uno sciopero selvaggio, irreponsabile e ingiustificato in questa fase.

Quando c’è una discussione in corso, si portano avanti le trattative negli incontri istituzionali. Non si porta via il pallone dicendo “il pallone è mio quindi ora non giocate più“. E’ da bambini.

E così ho risposto a un commento che un lettore mi ha scritto ieri.

Io non ho detto che la bozza di direttiva sia buona, non sono nemmeno entrato nel merito, ho detto che il comportamento di Wikipedia in italiano è come al solito irresponsabile, grave.

Ma non ci stupisce, da parte di chi elimina ogni oppositore e usa il denaro delle donazioni per usi privati.

Insomma, siamo alle solite, vogliono fare come gli pare, e se protesti ti bloccano a vita, oppure bloccano l’intera Wikipedia. E’ più chiaro ora?

E’ il loro solito modo di fare: o fai come dico io o blocco tutto. Di solito bloccano gli utenti di Wikipedia appena protestano contro gli abusi, questa volta hanno bloccato l’intera Wikipedia perchè il Parlamento Europeo “potrebbe” non dargli ragione. A me sembra la solita vergogna.

E’ la logica dei blocchi portata alle estreme conseguenze. Un clic ed ecco Wikipedia bloccata, non la leggete più.

E vi ripeto, stiamo parlando di una bozza di direttiva, nulla di definitivo. Ma è sempre la stessa storia, anche nella redazione delle voci, appena hai un’idea diversa da Vituzzu o M7, o ti sottometti al loro volere oppure arriva il blocco a vita, con tanto di derisioni, vendette e minacce.

Il WikiVeliero infatti prima di segnalare pubblicamente quanto avviene su Wikipedia, ha percorso tutte le vie interne, sia a Wikipedia che a WikiMedia Italia, e solo dopo esserci scontrato con il muro di gomma allora ha percorso vie esterne, con l’apertura del blog e poi le vie legali.

E’ una questione di correttezza, perchè il WikiVeliero, cioè il suo autore, ha voluto avere rispetto di Wikipedia, ricorrendo prima alle vie interne, e solo dopo alle vie esterne. Si chiama democrazia.

Loro no, Wikipedia bloccata.

I soliti bulli.

 

Segui gli aggiornamenti sul nostro canale telegram, su twitter o su facebook.

Stampa i volantini e diffondi il blog WikiVeliero.

3 Comments

  1. Sean | | Rispondi

    Noto che su questo blog non è, praticamente, mai apparso il nome di un altro admin bullo: Dimitrij Kasev, già Aleksander Sestak in passato. Qualcuno ha mai avuto a che fare con lui ? Si tratta del responsabile, in maniera indiretta, del mio ban infinito.

    • admin | | Rispondi

      Vituzzu non permette che ci siano admin onesti, perchè li blocca subito per non avere noie.
      Quindi gli admin o sono bulli oppure preferiscono far finta di nulla.
      Parlare di tutti i loro abusi, o anche solo parlare di tutti gli admin bulli è impossibile, ci vorrebbe un’altra enciclopedia!
      Comunque ora è possibile fermare i loro abusi:
      http://www.wikiveliero.org/2018/06/20/ora-basta-abusi/

  2. Gaspo87 | | Rispondi

    Buonasera

    Purtroppo sono capitato anche io tra le fastidiose grinfie prima di Vituzzu, poi di M7 ed ultimamente dello sbruffoncello Dimitrij Kasev, i quali credono di essere i padroni di Wikipedia e i rettori maximi del sapere. Io curo le pagine della SS Lazio, in 10 anni ho dovuto crare ben 100 sock visto che questi amministratorucoli non accettavano (chissa’ perchè…forse sono romanisti ahahah) che facessi crescere e sviluppare la pagina andando puntualmente a seguire i modelli delle altre voci di squadre di calcio, inventando assurdi vandalismi senza senso (addirittura annullando modifiche sulle statistiche…). Attualmente sono ancora in lotta con questo sbruffone di Kasev. Vi invito a visitare la voce sulla Lazio, annullare un suo rollback, e vedrete che vi taccia come vandali, di fatto castrando ed impedendo l’evoluzione della voce. Queste cose andrebbero davvero fatte passare per le vie legali…in modo che questi sbruffoni da tastiera la smettano a fare i padroni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *