Non devi chiedere giustizia su Wikipedia

“Non devi chiedere giustizia su Wikipedia”. Lo dicono loro, non il WikiVeliero. Wikipedia cade sempre più in basso.

Questa è la solita discussione dove un utente si lamenta del solito blocco a infinito di Vituzzu fatto a suo piacimento. Un blocco a vita deciso da una sola persona senza nessuna discussione, senza accettare alcuna spiegazione, in violazione di ogni regola di Wikipedia. Bloccato a vita, con un clic, perchè l’ha deciso Vituzzu. Il motivo è così banale che non vale la pena nemmeno parlarne, se volete leggete la discussione. Come al solito Vituzzu fa come gli pare.

Ma il bello, se così si può dire, arriva con questo messaggio di Nemo, alias Federico Leva. Secondo lui “bisogna aver pazienza”, e conclude con questo link, che afferma “There is no justice”, cioè non c’è giustizia su Wikipedia. Ma lo dicono loro stessi, non il cattivissimo blog WikiVeliero.

In questa pagina folle, della Wikipedia in inglese (per chi si illude che la Wikipedia in inglese sia meglio di quella italiana…), c’è scritto “You have no rights here”, cioè qui non hai diritti, e poi “Wikipedia is not fair”, cioè Wikipedia non è giusta, non è equa. E lo scrivono loro.

Insomma gli stessi wikipediani confermano quanto dice da anni questo blog, che su Wikipedia non c’è giustizia.

E sai come giustificano questo? Dicendo che “Wikipedia is a subset of life; life is not fair“. Insomma la vita è ingiusta, quindi anche Wikipedia lo è. Quindi se Vituzzu fa il prepotente, va bene, tanto la vita è ingiusta. Eh?!

Ma ci prendete per scemi?!?

La discussione poi prosegue e tutti sono d’accordo con Federico Leva, cioè che Wikipedia non è giusta, e non si può nemmeno pretendere giustizia. Eh?!

Quindi si dà all’utente bloccato il solito consiglio: creare una nuova utenza da zero dopo che ti hanno bloccato, sebbene questo sia vietato dalla regole di Wikipedia. Perchè tanto giustizia non la puoi avere, quindi l’unica cosa è violare le regole di Wikipedia e creare una nuova utenza da zero. E poi, se ti scoprono, dato che è vietato, ti possono bloccare di nuovo, perchè hai violato una regola di Wikipedia, che loro stessi ti hanno consigliato di violare.

Wikipedia funziona come una giungla, dove vince il più forte. Le regole si richiamano solo quando servono al più forte, che le richiama in modo arbitrario per bloccare chi gli pare. Gli amministratori, soprattutto quelli più potenti, sono al di sopra di qualsiasi regola, perchè tanto “su Wikipedia non c’è giustizia”, “non è un tribunale”. Se ti bloccano in modo ingiusto, per un capriccio o una prepotenza di un amministratore, devi avere pazienza, come dice Federico Leva, perchè tanto Wikipedia è una giungla, non è giusta, e quindi non ci puoi fare nulla. Questa è la loro filosofia, e lo scrivono pure.

Questi furbetti di Wikipedia però, nella loro infinita arroganza, dimenticano una cosa. 🙂 Wikipedia non si trova sulla Luna, ma qui, sulla Terra. Sebbene questi pensino di vivere in un mondo dove possono fare quello che gli pare, come in una giungla, purtroppo per loro sulla Terra esistono delle leggi.

I furboni dicono:

You have no rights here. Wikipedia is privately owned by the Wikimedia Foundation

Ma sapete dove sbagliano questi furboni? Sapete dove la loro arroganza fallisce? 🙂

La loro arroganza fallisce nel fatto che è vero che Wikipedia è proprietà privata, ma in una democrazia una proprietà privata non è una cosa come una giungla, o un lager nazista, dove tu puoi fare quello che ti pare delle persone che ci stanno dentro, ma ci sono delle leggi anche lì. Perchè questi poveretti si illudono che una proprietà privata è un luogo senza leggi, è tua quindi ci fai quello che ti pare… E invece il WikiVeliero andrà proprio a ricordargli che anche in una proprietà privata arrivano le leggi, portandoli in tribunale. Arrivederci, cari wikipediani della giungla. 🙂

p.s. La cosa ancora peggiore è che nella pagina inziale di Wikipedia, nella prima riga in alto, c’è scritto:
L’enciclopedia libera e collaborativa.

Ma poi, dopo aver creduto a questo che è solo uno slogan per attirare gli ingenui, e contibutori volontari non pagati, scopri una realtà ben diversa, che cioè Wikipedia è un luogo senza diritti e senza giustizia, dove i prepotenti vincono sempre, perchè tanto non c’è giustizia, e sono loro stessi a dirlo.

p.s. n.2 La cosa ancora più squallida, è che è vero che Wikipedia appartiene alla WikiMedia Foundation, ma la WikiMedia Foundation in realtà è governata da un organo elettivo che è eletto dagli stessi utenti di Wikipedia (non direttamente, ma con delle procedure che non stiamo qui a ricordare). O meglio dagli utenti non bloccati, e ricordiamoci che Vituzzu è un amministratore globale.

E quindi sapete a chi appartiene Wikipedia, e quindi a chi appartiene la WikiMedia Foundation?

Wikipedia e la WMF appartengono a quegli utenti che in una piattaforma online “senza diritti e senza giustizia” hanno vinto la guerra dei blocchi riuscendo a eliminare i loro oppositori, e vincendo quindi la guerra per il controllo di Wikipedia calpestando diritti e giustizia. Cioè Wikipedia appartiene ai peggiori, ai più prepotenti e senza scrupoli, ai più farabutti, a coloro che sono senza giustizia.


Segui gli aggiornamenti sul nostro canale telegram, su facebook, o iscriviti alla newsletter.

Stampa i volantini e diffondi il blog WikiVeliero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.