Se mi voti contro ti elimino: i bulli di Wikipedia

Su Wikipedia le cose vanno così, se ti metti contro qualche amministratore corrotto, o peggio gli voti contro, ti eliminano da Wikipedia. Come nelle dittature, puoi solo votare a favore, mai contro. E Wikipedia infatti è una dittatura, con un suo “partito” unico al potere, quello degli amministratori corrotti. Non devono esistere oppositori.

Oggi vi parlo della vicenda di Fausta, un utente esperto di Wikipedia, con migliaia di contributi, oltre 25.000!!, e centinaia di voci create, quasi 800!

Pensate quanto tempo ha dedicato a contribuire volontariamente all’enciclopedia “libera”. Fino a quando ha scoperto che l’enciclopedia non è libera…

Come mai un utente dopo anni di contribuzione può essere bloccata, o come in questo caso costretta a sospendere il suo contributo sotto la minaccia del blocco? Cosa ha fatto di grave? Nulla, assolutamente nulla.

L’accusa che gli viene rivolta è quella di “non essere collaborativa“, accusa che nella procedura di utente problematico (UP in gergo), gli viene rivolta di continuo.

E in cosa consiste questo non essere collaborativo? Semplicemente nel fatto di non avere la stessa identica mentalità degli amministratori corrotti. Per stare su Wikipedia devi essere percepito come uno di loro. Devi fare le loro stesse prepotenze, gli stessi abusi, fare le loro solite furbate, bullizzare i più deboli. Se non sei così, diventi problematico.

E non è il WikiVeliero a dire questo. Leggiamo l’atto di accusa, cioè l’intervento inziale della procedura contro Fausta.

L’utente “Tostapane” (??) accusa Fausta di essere “sospettosa”, perchè ha chiesto a un amministratore di verificare se una persona sta usando più utenze per modificare e mettere avvisi su una voce da lei creata (qui e qui). Ma se i bulli di Wikipedia bloccano Neperiano per un semplice sospetto allora va bene.

Non devi sospettare degli amministratori di Wikipedia, altrimenti sei problematico.

E poi tutta la discussione continua su questo tipo, con accuse su fatti sempre insignificanti, ma nella mente oscurantista dei difensori della dittatura wikipediana diventano fatti gravissimi.

Per questi bulli, bloccare migliaia di persone senza discussione, creare una dittatura, bullizzare dei minorenni per poi escluderli a vita da Wikipedia, esercitarsi nel sadismo verso persone che non possono difendersi, deridere per anni chiunque chiede spiegazioni, va bene. Sospettare di questi bulli senza scrupolo invece non va bene, se lo fai ti bloccano. Come in una dittatura, devi pensarla come loro.

La loro ipocrisia è sfacciata: chi blocca ogni oppositore e bullizza anche minorenni per anni ha la faccia tosta di accusare Fausta di non essere collaborativa, di “cercare lo scontro invece che il confronto”, come dice l’utente “L’Ospite Inatteso” alle 09:32 del 26 giu 2019.

Nel mondo al contrario di Wikipedia se bullizzi in branco migliaia di persone che non possono difendersi, dei quali molti minorenni, sei collaborativo. Se invece critichi questo sistema cerchi lo “scontro”, sei “complottista”.

Wikipedia è un mondo dove le parole vengono usate al contrario di quello che significano, come all’entrata del lager di Auschwitz campeggiava la scritta “Il lavoro rende liberi”.

Una dittatura funziona proprio così: non c’è solo la violenza e l’eliminazione di ogni opposizione, c’è sempre anche un’ideologia che mente su tutto, stravolge tutti i fatti, ammanta di belle parole (“Il lavoro rende liberi”) le azioni più violente e ingiuste. I nazisti addirittura affermavano che entrando nel lager di Auschwitz si diventava “liberi”! Non c’era un genocidio in corso, si diventava “liberi”!

I wikipediani nel loro piccolo fanno lo stesso lavoro di propaganda: quando eliminano un oppositore, come Fausta, o come VivaVoltaire, AveMundi, Xinstalker…, non l’accusano di essersi opposta alla loro dittatura, l’accusano di “non essere collaborativa”!

Le parole vengono usate al contrario di quello che significano a fini di propaganda. L’importante è eliminare un altro oppositore mediante un processo degno dell’inquisizione medievale.

La discussione continua così, Fausta viene accerchiata dai cani a guardia della dittatura, intervengono alcuni dei più feroci come Phyrexian (Matteo Triani), Ruthven, e altri nuovi fedelissimi della dittatura.

Alla fine Fausta si arrende e con il messaggio delle 17:21 del 8 lug 2019 dichiara la resa accettando di sospendere i suoi contributi a Wikipedia per evitare il blocco a infinito chiesto dal solito Phyrexian (Matteo Triani), ricordiamolo ancora, uno dei più feroci su Wikipedia.

Vale la pena però segnalare un altro fatto importante di questa vicenda.

La procedura per utente problematico viene aperta il 26 giugno, e poi si esaurisce lì data la pochezza delle accuse, peraltro false.

Si riapre improvvisamente però quando Fausta osa votare contro la riconferma come amministratore di Gianfranco, uno dei tanti amministratori bulli, con un ruolo non di primo piano ma abbastanza importante.

Fausta vota contro alle 19:02 del 7 lug 2019, e 26 minuti dopo, uno dei guardiani più feroci della dittatura, il famigerato L736E, alle 19:28 del 7 lug 2019, riapre la procedura per utente problematico, addirittura citando Gianfranco:

[@ Gianfranco] Mi verrebbe da dire che ha resistito poco.–L736El’adminalcolico 19:28, 7 lug 2019 (CEST)

Subito intervengono Phyrexian (Matteo Triani), Ruthven, Kirk, “Idraulico”, Horcrux, Lemure, L’Ospite Inatteso, Abisys, CoolJazz5, tutti contro Fausa, colpevole di aver votato contro un amministratore potente e bullo. Mai mettersi contro i bulli.

I bulli agiscono sempre in branco, essendo dei vigliacchi, quindi isolano la loro preda, Fausta, la circondano, e infatti nessuno ora intervenire in difesa di Fausta, del resto sarebbe inutile…, viene minacciata di essere bloccata a infinito, finchè Fausta si arrende, e rinuncia a contribuire a Wikipedia dopo 25.000 contributi e quasi 800 voci create.

La sua colpa è di non essere percepita come uno di loro, e di aver votato contro un amministratore bullo.

I bulli hanno vinto un’altra volta, sempre con il solito schema di azione: agiscono vigliaccamente in branco, isolano la loro preda, cioè chi gli si mette contro, e la sbranano.

Uno alla volta. Così accade da oltre dieci anni.

E la cosa folle è che le prede di questa banda di bulli, che dopotutto è composta pure da poche persone, si fanno eliminare così, uno alla volta.

Mentre i bulli agiscono in branco, le loro prede, che non sono eroi ma normali utenti che non vogliono essere bulli, si fanno eliminare a uno a uno. Senza ribellarsi mai.

AveMundi, Neperiano, Xinstalker, Stefanomencarelli, Fausta, e tanti altri, si sono fatti eliminare uno alla volta, senza ribellarsi, e hanno semplicemente abbandonato Wikipedia lasciandola ai bulli. Uno alla volta. A volte dopo aver dedicato tantissimo tempo a Wikipedia.

Come se l’ordine dato da questi mediocri bulli senza scrupoli fosse qualcosa al quale non si può dire di no. E perchè mai?! Ma sono così convincenti questa banda di vigliacchi?!

L’ordine dato da Vituzzu e M7 al WikiVeliero di abbandonare per sempre Wikipedia a me non mi ha convinto per niente. Sono solo dei bulletti ignoranti e arroganti, i loro ordini mi fanno solo pena. Mi fate solo schifo. La vostra capacità di convincimento, attraverso prepotenze e minacce, su di me è pari a zero.

Sono solo dei meschini.

Ribellatevi, come ha fatto il WikiVeliero. 🙂


Segui gli aggiornamenti sul nostro canale telegram, su facebook, o iscriviti alla newsletter.

Stampa i volantini e diffondi il blog WikiVeliero.

smonta il bullo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.